Carpigiani stupisce con il gelato senza zuccheri aggiunti.

La divisione Ricerca e Sviluppo dell’azienda e la Carpigiani Gelato University presentano in anteprima mondiale le nuove soluzioni tecnologiche per mantecare ricette a basso contenuto di solidi come, ad esempio, quelle senza zuccheri aggiunti.
Una riduzione media del 40% per miscele finora impossibili da mantecare. La scienza del gelato ha alcuni punti fermi, tra questi è fondamentale il giusto bilanciamento tra parte liquida e solida per ottenere un risultato cremoso e piacevole al palato. Carpigiani presenta a Sigep 2018 (Fiera di Rimini, dal 20 al gennaio) la tecnologia che rivoluzionerà il procedimento di creazione delle ricette in gelateria permettendo di mantecare ricette ritenute imperfette o sbilanciate con una riduzione media del 40% dei solidi totali (zuccheri, grassi, proteine del , fibre, stabilizzanti, emulsionanti). Con questa modalità, ad esempio, si potrà creare un delizioso e cremoso sorbetto di fragola che contenga solo lo zucchero naturale della frutta e nessun altro dolcificante aggiunto, riducendo l’impatto glicemico di circa il 70%.

Tutto questo sarà possibile grazie alla tecnologia di Carpigiani e il know how di Carpigiani Gelato University che presentaranno quest’innovazione in anteprima mondiale a Sigep 2018.

Lo stand di Carpigiani sarà ubicato all’interno del centralissimo Padiglione C1 e nella sua aula corsi si potrà assistere ad un workshop (ogni giorno alle 12.30 in italiano e alle 15.30 in inglese) per scoprire quali tecnologie utilizzare e come bilanciare le nuove ricette che rendono possibili creme a bassissimo contenuto di solidi, per esempio, senza zuccheri aggiunti, mantenendo una perfetta struttura soffice e cremosa. Non è la prima volta che quest’impresa viene tentata, ma finora si era sempre trovata una soluzione che comprendeva l’aggiunta di zuccheri alternativi come la stevia o il maltitolo per ridurre l’impatto glicemico e inserendo altri ingredienti della famiglia dei cosiddetti “solidi” (grassi, proteine del latte, fibre, stabilizzanti, emulsionanti) per ottenere la stessa tessitura con un apporto ridotto del 40% in media. L’innovazione è stata resa possibile dagli anni di lavoro della divisione Ricerca e Sviluppo di Carpigiani dove tecnici e ingegneri hanno lavorato a fianco dei docenti della Gelato University per arrivare ai risultati che saranno divulgati durante l’edizione 2018 di Sigep. Il trend legato alle nuove ricette salutistiche e “free from” nel mondo del gelato si è ormai consolidato negli anni grazie alle nuove tecnologie implementate sui mantecatori della gamma HE e sul banco mantecatore Ideatre, l’azienda bolognese è in grado di ridisegnare il panorama della gelateria in e nel mondo. Il risultato è tutto da scoprire al Padiglione C1 di Sigep dove Carpigiani stupirà con ben 850 metri quadri di esposizione.
www.carpigiani.com

Altri articoli che potrebbero piacerti