“L’Olio delle Colline”: le selezioni dei finalisti della XIII edizione.

Il 29, 30, 31 Gennaio presso la CCIAA di Latina e il 3 Febbraio a Rocca Massima si riuniranno le Commissioni preposte all’attribuzione dei in palio nelle sezioni: Olio Extra Vergine, Olio DOP Colline Pontine, Olio Biologico, Migliore Confezione ed Etichetta, Paesaggi dell’Extravergine e Buona Pratica Agricola, Oliva Itrana bianca e Oliva Gaeta. L’annuncio dei vincitori e la premiazione nel corso della giornata evento del 10 Febbraio presso il Consorzio ASI Roma-Latina.
Sono 294 gli olivicoltori pontini che partecipano al XIII Concorso Provinciale “L’Olio delle Colline”, organizzato dal CAPOL, in collaborazione con l’ASPOL, patrocinato da Regione Lazio, Provincia di Latina, Comune di Latina e Camera di Commercio di Latina. I campioni in gara dovranno ora superare l’esame davanti alle commissioni di valutazione che decreteranno i vincitori di questa edizione, annunciati nel corso della giornata evento che si terrà il 10 Febbraio presso il Consorzio Area Sviluppo Industriale Roma-Latina. Le selezioni inizieranno lunedì 29 Gennaio, presso la Sala Panel della Camera di Commercio di Latina, ove proseguiranno il 30 e il 31 Gennaio. Il Panel CAPOL – riconosciuto dal MIPAAF – costituito da assaggiatori iscritti agli Elenchi Regionali/Nazionale di tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini ed extra vergini, coordinati dai Capo panel C.O.I. (Consiglio Olivicolo Internazionale) Giulio Scatolini e Luigi Centauri, effettuerà la selezione tramite esame organolettico e analisi chimico-fisiche.

Novità del 2018: verranno premiati i primi 3 di ogni categoria di fruttato (intenso, medio, leggero) tra le aziende iscritte alla CCIAA e altrettanti tra quelle che non lo sono.

Oltre a loro i primi 2 che hanno imbottigliato il prodotto DOP Colline Pontine e il Miglior Olio Biologico certificato a norma di legge. Il 31 Gennaio, sempre nei locali della CCIAA di Latina, si riunirà anche la giuria di giornalisti e operatori del settore per scegliere le 2 bottiglie con la Migliore Confezione ed Etichetta, in base alla normativa vigente.
Il 3 Febbraio toccherà alle olive da mensa. Sarà il Comune di Rocca Massima (LT) ad ospitare in questa fase il Panel di assaggiatori del CAPOL che dovrà indicare i primi 3 classificati nelle sezioni Oliva Itrana bianca e Oliva Gaeta. Un’attenzione completa viene così riservata all’oliva Itrana, la cultivar autoctona della provincia di Latina, caratterizzata dalla duplice attitudine nella triplice variante a due D.O.P. ( d’oliva Itrana D.O.P. Colline Pontine e Oliva Itrana Gaeta D.O.P. da tavola).
Nei giorni scorsi hanno emesso il loro verdetto le tre delegazioni tecniche qualificate che si sono espresse per l’attribuzione del riconoscimento Paesaggi dell’Extra Vergine e Buona Pratica Agricola a 9 imprese olivicole, 3 per ognuno dei comprensori – Monti Lepini, Monti Ausoni, Monti Aurunci – contraddistintesi per il loro impegno nella tutela delle varietà e degli elementi paesaggistici tipici del territorio, e nella salvaguardia dei suoi equilibri vegetativi e agro-ambientali.


Altri articoli che potrebbero piacerti