Top Food Blogger da USA, Canada e Messico, per il Made in Italy alimentare autentico.

Sono i protagonisti dell’Educational Tour svoltosi in Piemonte, nuovi ambasciatori della enogastronomica piemontese nel mondo attraverso i social.

Incrementare la conoscenza e il consumo consapevole dei nostri prodotti in mercati esteri target e favorire l’export delle PMI del settore sul territorio e contrastare il fenomeno dell’Italian Sounding, questo l’ obiettivo dell’Educational Tour, relativo al progetto “True Italian Taste” promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e organizzato dall’Assocamerestero in Piemonte nell’ambito della “Campagna di promozione strategica per la valorizzazione del prodotto italiano autentico in rapporto al fenomeno dell’Italian Sounding”. Tour iniziato l’11 giugno e terminato con grande successo sabato 16 giugno, destinazione Cuneo, le Langhe e il Roero, celebri mete del turismo enogastronomico, con il Re dei vini (Barolo D.O.C.G) protagonista insieme alle realizzate con il Nebbiolo (Asti D.O.C.G.) e ad alcuni prodotti della piemontese, soprattutto cunese, unici ed eccellenti.

“L’iniziativa ha riguardato un percorso enogastronomico ad hoc alla scoperta e promozione delle eccellenze produttive, a volte meno note all’, della Regione Piemonte”  – ha dichiarato Pina Costa, direttore area Relazioni Esterne e Business Development Assocamerestero  – “Protagonisti dell’appuntamento sono stati 9 top food blogger, provenienti da Stati Uniti, Canada e Messico, che hanno avuto l’opportunità di testare dal vivo qualità, sapienza artigianale e modalità di produzione delle specialità tipiche piemontesi”.

Un banco di prova che ha decretato la riuscita del tour alla scoperta dei tesori gastronomici del territorio con visite in azienda, degustazioni e laboratori a stretto contatto con le varie realtà.

“I nostri  ospiti hanno vissuto giornate intense, ricche di approfondimenti artistico-culturali e di terminologie, attività di lavoro, novità tecnologiche e conoscenze inedite su come vengono realizzati ancora oggi alcuni prodotti tra quelli inseriti nel programma” – ha raccontato alla redazione di Italy Food 24 Pina Costa, impegnata in prima persona nel tour  – “Per l’occasione hanno realizzato tavolette di , condiviso la preparazione di piatti della tradizione, degustato vini, birre e formaggi (Raschera DOP, Toma DOP, Castelmagno DOP, Bra DOP), si sono avvicinati al mondo straorinario del , delle pregiate miscele di , della Nocciola del Piemonte IGP, che rappresentano le punte di diamante della tradizione gastronomica piemontese.  Ma la cosa che più li ha sbalorditi è stata la visita in un luogo per loro magico, scoprire il Vermouth e le erbe delle vallate alpine utilizzate nella sua produzione, l’agricoltura ecosostenibile già al tempo di Carlo Alberto, la storia dei Savoia, primi grandi promotori che, a partire dalla fine del XVIII secolo, generò una fiorente produzione che fece del Piemonte il regno del Vermouth”.

Sono food editor, food blogger ed influencer,  e per molti di loro è stata una esperienza unica e irripetibile vissuta a stretto giro con dei must da visitare e da gustare.

Sono Kit Graham (Chicago), Deana Saukam  (Housto), Francesca Garcia (Los Angeles), Alejandra Cangas  (Miami), Allegra Milani (New York), Pasquale Vari (Montrèal), Suzie Durigon (Toronto), Liora Jacobson (Vancouver) e Teresa Rodriguez Rivera (Mexico City). Sono viaggiarori del gusto, per lo più donne curiose e amanti dei cibi genuini.

Hanno vissuto un’esperienza viva ed ora sono anche ambasciatori del autentico. Ritorneranno nei rispettivi Paesi di provenienza racconteranno della straordinaria autenticità dei prodotti che hanno conosciuto e assaggiato,  come pure la genuinità e lo spirito di accoglienza dei protagonisti delle eccellenze piemontesi. Porteranno i ricordi di una terra austera, una terra da vino, da grandi vini leggendari, ma anche una terra ricca di prodotti di grande pregio,  riconoscibili nella particolarità dei colori, profumi e sapori del Piemonte, incuriosendo e ispirando oltreoceano i propri follower connazionali.


Email   –  Facebook   –   Twitter

Altri articoli che potrebbero piacerti