Il Törggelen più autentico è all’Alpe di Siusi.

Ad ottobre e novembre 2017, escursioni tra antichi ed originali masi con vista Dolomiti e soste gustose a base di piatti tradizionali e vino novello. Nell’area vacanze Alpe di Siusi – Seiser Alm.

Ad ottobre e novembre 2017, escursioni tra antichi ed originali masi con vista Dolomiti e soste gustose a base di piatti tradizionali e vino novello. Nell’area vacanze Alpe di Siusi – Seiser Alm.

Quando il verde vivido che incorona le Dolomiti (Patrimonio Mondiale ) cede il passo ai colori ambrati dell’autunno, nell’area vacanze Alpe di Siusi – Seiser Alm è tempo di Törggelen, l’autentica usanza contadina, molto golosa, che consiste nel passare di maso in maso, assaporando ricette tradizionali, caldarroste, mosto dolce e vino novello. Un’occasione unica, per tutto il mese di ottobre 2017 fino all’inizio dell’Avvento, per immergersi tra i sentieri che si inerpicano tra le splendide vette dolomitiche, soffermandosi nelle antiche Buschenschank, cioè le osterie contadine, nei masi con mescita di vini locali che nascono nelle tenute di vignaioli del territorio, nelle bellissime Stuben dai rivestimenti in legno e gli ornamenti artistici tipici dell’architettura altoatesina, nei masi tutelati come opere d’arte e nei caratteristici mulini. Un mondo di tradizioni, un viaggio nel passato e tra i più genuini, con il privilegio di godersi le escursioni fra paesaggi estasianti e un regno naturale che si fa variopinto, scegliendo tra i percorsi dell’area vacanze Alpe di Siusi – Seiser Alm. Ogni sosta è una festa accompagnata da prelibatezze come i salamini affumicati, lo speck, lo Schüttelbrot, cioè il pane di segale croccante, o piatti misti di carne e insaccati come portata principale. Tra i cammini prediletti per il Törggelen, c’è il Sentiero dei masi di Aica di Fiè, che con i suoi saliscendi attraversa vigneti, castagneti e un bosco misto. Si tratta di un itinerario circolare di 11,3 km che parte da Castel Presule per guidare gli escursionisti tra panorami incantevoli, frutteti, antichi masi e filari di vite, per raggiungere punti paesaggistici dove godersi le linee rocciose del massiccio dello Sciliar.
www.seiseralm.it

 


Altri articoli che potrebbero piacerti