Musica Maestro! Quarta edizione della Rassegna “Premio Teatro Mercadante”.

Ritorna l’appuntamento con il concorso musicale del Teatro Mercadante che vede impegnate le scuole altamurane e non solo, in una sana e sonora competizione. 

Una città attenta all’istruzione e all’educazione degli scolari in tutte le sue forme, tradizionali o meno, è una città che costruisce un futuro solido. Ecco allora le idee vincenti di alcune grandi personalità altamurane che hanno voluto impegnare il proprio tempo e le proprie forze per fare della un bene comune. Tra essi vi è Pasquale Castellano che dal 2015 è presidente dell’”Associazione Culturale Amici del Teatro Mercadante”.

Tra le varie attività dedite al sociale, l’Associazione cura da ben 4 anni la rassegna musicale per le scuole “Premio Teatro Mercadante”. Questo vero e proprio concorso musicale è aperto a tutti gli istituti scolastici e agli studenti che si dedicano all’istruzione musicale.

La scorsa edizione del Premio, la terza, si è conclusa il 27 aprile 2017 e ha riscosso largo successo da parte delle istituzioni del territorio che hanno premuto affinché se ne svolgesse una quarta. L’edizione 2018 del concorso, il cui regolamento è visionabile e scaricabile dal sito internet del Teatro Mercadante, si appresta dunque a diventare una magnifica ed imponente occasione per mettersi in gioco, per chiunque voglia approfittarne. Tantissimi sono stati gli Istituti, non solo altamurani, che hanno aderito all’iniziativa lo scorso anno ritenendo la musica e il canto corale come nobilissime arti che elevano il cuore degli studenti.
“Il coro”- ha poi affermato lo stesso Pasquale Castellano – “è lo strumento sociale per eccellenza: uno strumento musicale capace di concedere un approccio attivo alla musica senza discriminazioni di partenza e senza esasperate selezioni attitudinali”.
Per la quarta Rassegna sono già aperte le iscrizioni. Le selezioni si terranno nei giorni 4- 5- 13 aprile 2018. I vincitori verranno premiati nella serata finale del 4 maggio 2018 con medaglie, targhe e diplomi.

di Floriana Maffei
Fortis Murgia News


Altri articoli che potrebbero piacerti