Cantina Cambria. Nocera, il gusto che fa storia.

Un grande successo per la degustazione di Cambria Vini che, assieme alla blogger Susana Alonso e Umberto Gambino giornalista RAI, ha raccontato il Nocera. Il Salone internazionale del rappresenta l’occasione perfetta per presentare al panorama enologico sempre più attento e cosmopolita un varietale di , di storia, di territorio: il Nocera.

Vitigno autoctono coltivato sin dall’antichità nel territorio di Furnari, un tempo diffusissimo, nei vigneti in provincia di Messina si possono trovare ceppi molto antichi anche se oggi è ridotto a pochi ettari, il Nocera è il fiore all’occhiello dell’azienda vitivinicola Cambria, che l’ha proposto in due di sei vini moderate dalla wine blogger Susana Alonso al mattino, e da Umberto Gambino giornalista RAI, coordinatore regionale per la Sicilia della guida Vinibuoni d’ Touring, Ais e curatore dei siti Wining e TheWineReporter al pomeriggio, che insieme a Nino Cambria, General Manager della cantina e Vito Giovinco, enologo, hanno raccontato il filo rosso intenso che passa dalle di Nocera in purezza dello Spumante Metodo Classico, ai grandi rossi delle DOC di Furnari, per arrivare all’ultima e gloriosa bottiglia della cantina: il passito di Nocera in purezza, KIO.
Questo vitigno autoctono della provincia di Messina, legato al vino “Mamertinum” è stato celebrato sin dagli antichi Latini. Nei vigneti della provincia di Messina si possono trovare ceppi molto antichi. Il Nocera fu introdotto a metà ‘800 in Francia, nella Provenza e nel Beaujolais ove fu diffuso con i nomi di “Extrafertile Suquet” e “Barbe du Sultan” (Mas e Pulliat, 1879). Il colore rosso rubino intenso dei vini di Nocera presenta un’inconfondibile riflesso purpureo dato dai 5 punti di colorazione in più che questo vitigno ha rispetto ai grandi rossi. L’elevato contenuto d’alcool e l’alto livello di acidità sono caratteristiche rare da trovare in un’unica bottiglia. Per questo motivo, i vini ottenuti dal Nocera sono un prodotto inimitabile e unico nel loro genere, disponibili solo in edizioni limitate.

La Cantina Cambria è nata nel 1864 a Furnari, un paesino del Nord-Est della Sicilia in Provincia di Messina. Furnari si adagia su verdi colline che godono della protezione benevola del Santuario di Tindari e di un superbo affaccio sull’incanto delle Isole Eolie.

Nino Cambria (Direttore Generale), mosso da una passione sconfinata per il vino e un legame profondissimo con la propria terra, ha preso le redini dell’azienda. <<Raccontare la mia terra, le mie origini, il mio lavoro quotidiano ad una platea così interessata e interessante, è per me motivo di orgoglio >> commenta Nino Cambria <<L’impegno costante nel produrre vini di alta qualità e la volontà di valorizzare la tipicità del territorio da cui provengo mi spingono a organizzare incontri come questo>>.
Susana Alonso, fondatrice e curatrice del noto portale Sorsi di Web, dopo una consolidata esperienza lavorativa in Argentina nel settore finanziario, Susana si è trasferita in Italia nel 2001 per frequentare un Master in Relazioni Internazionali. Da allora ha sempre lavorato nell’Ufficio Export & di diverse aziende in vari settori, fino alla nascita di una passione per il mondo del Food & Wine e per la e il marketing online. In ulteriori anni di lavoro e di formazione ha sviluppato competenze specifiche come l’internazionalizzazione digitale delle aziende e, più recentemente, i rapporti fra vino e turismo. Dal 2017, Sorsi di Web ha sede in Sardegna, a Nuoro. Il suo approccio al vino è tanto umanista nel raccontarlo quanto tecnico nel discernere le sue peculiarità organolettiche, mantenendo saldo il fine di rendere la del vino meno elitaria e più accessibile a tutti. <<È stato un piacere per me condurre questa degustazione>> commenta Susana Alonso <<Nino Cambria e i suoi vini a base di Nocera mi hanno accolta con grande calore. Nino riesce senza fatica a comunicare in maniera coinvolgente le particolarità del territorio, i valori aziendali e le tante sfumature delle sue creazioni originali. Cambria non è solo una cantina di qualità, ma anche un brand ben capace di impressionare i sensi e la memoria.>>
Di seguito i vini proposti in degustazione:

  • Fin che venga, Terre Siciliane IGP, Spumante Metodo Classico Brut Rosè, 100% Nocera in purezza. Furnari, Tenuta di Masseria
  • Masseria, Terre Siciliane IGP, Nocera delle Colline Furnaresi, 70% Nocera, 30% Nerello Mascalese. Furnari, Tenuta di Masseria
  • Rosso del Levriero, Nocera e Syrah DOC, Rosso di Piacere, 50% Nocera, 50% Syrah. Furnari, Tenuta di Cinque Fontane
  • Giulio Cesare, Mamertino Rosso DOC, 60% Nero D ’Avola, 40% Nocera. Furnari, Tenuta di Masseria
  • Mastronicola, Nocera DOC, Gran Cru delle colline Furnaresi, 100% Nocera in purezza. Furnari, Tenuta di Mastronicola
  • Kio, Terre Siciliane IGP, Nocera Passito, 100% Nocera in purezza. Furnari, Tenuta di Mastronicola

Un grande successo, anche grazie alla partecipazione di opinion leader e giornalisti di settore, che hanno potuto assaggiare i prestigiosi vini della cantina.
Di generazione in generazione, nell’azienda Cambria, aumentano la passione e l’ambizione di dar vita a dei vini che rappresentino la vera eccellenza siciliana. È possibile riassumere il pensiero dell’azienda nella formula delle tre “T”: Tradizione, Territorio e Tecnologia. Il legame tra questi tre elementi, infatti, costituisce il segreto di una storia vinicola di successo, che guarda al futuro con assoluto ottimismo.


Altri articoli che potrebbero piacerti