Alta Murgia Storytelling.

Tre seminari collegati a sei passeggiate narrative per raccontare l’unicità di un patrimonio culturale che ha reso celebre il territorio di nel mondo.

Talk divulgativi e scientifici dedicati alla Preistoria dell’, itinerari archeologici, passeggiate narrative, degustazioni culturali, curati da archeologi ed esperti, per riscoprire la storia e il patrimonio culturale del territorio compreso nella Rete Museale dedicata all’Uomo di Altamura, sono i temi proposti all’interno del calendario di “E-Venti nel Parco”, firmato CoopCulture – capofila dell’associazione temporanea che gestisce la rete museale insieme a Cars e Iris , in collaborazione con il Parco Nazionale . Si tratta di un ciclo di che hanno il loro fulcro nel Palazzo Baldassarre “Museo dell’Uomo di Altamura” (MUd’A) con obiettivo di favorire la diffusione delle conoscenze del patrimonio paleontologico, storico e archeologico dell’ mediante l’incontro tra l’ scientifico-accademico e il suo territorio.

In occasione dell’evento inaugurale, tenutosi l 15 novembre, in rappresentanza della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università di Bari Aldo Moro, la prof.ssa Paola Palmentola ha illustrato gli elementi salienti della collaborazione con la Rete Museale Uomo di Altamura in relazione al programma scientifico delle attività e dei seminari che saranno ospitati a Palazzo Baldassarre con l’inizio del nuovo anno. Mentre 16 novembre, Annamaria Ronchitelli dell’Università degli Studi di Siena ha parlato del Paleolitico nell’Alta Murgia e in Puglia. Lo “storytelling” continua nei prossimi giorni con l’appuntamento del 14 dicembre, ore 17.00, con Donata Venturo, funzionario archeologo, e Valeria Vitale, dottore di ricerca in archeologia. Mentre le rimanenti passeggiate narrative sono previste per 2 e 23 dicembre, ore 10.30, il tema è “Dall’Uomo di Altamura a Federico II”; 9 dicembre, “A spasso con l’archeologo”; 15 dicembre, “Altamura con Gusto”.

L’iniziativa sta riscuotendo interesse, e gli appuntamenti svoltisi finora hanno visto molta partecipazione di pubblico, in linea con il bilancio del primo anno delle attività. Da gennaio a ottobre i visitatori sono stati 8000, con un + 42% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E’ un dato che ha ancora più significato poiché la rete è andata a regime solo ad aprile con il biglietto integrato “Visite con gusto” lanciato in occasione dello scorso “Federicus”. Nel totale ci sono anche 3000 studenti.
Info: www.uomodialtamura.it

 


Altri articoli che potrebbero piacerti