The Extraordinary Italian Taste

Si parlerà di “Educazione alimentare: la cultura del gusto” nella IV Settimana della cucina italiana nel mondo in Albania

Si apre lunedì 18 novembre in tutta la rete diplomatica e consolare della Farnesina la IV edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo, un’iniziativa del Ministero degli Esteri che mira a promuovere l’enogastronomia italiana d’eccellenza e che si sta sempre più affermando come un appuntamento di grande rilevanza. Il calendario è stato presentato a Tirana l’11 novembre scorso. L’esposizione di AICS Tirana ‘Italy Tells’, 16 opere ispirate ai grandi artisti del Rinascimento italiano rimarrà aperta fino al 21 novembre presso il Castello di Tirana, In Albania la ‘settimana’ prevede due giornate aggiuntive, per cui finirà il giorno 26, con temi di discussione relativi alla cooperazione italo-albanese nel campo dell’alimentazione e dell’agricoltura che hanno valorizzato, nel corso di 10 anni, alcuni prodotti tipici dell’agro-alimentare d’Albania provenienti dalle zone di Scutari, Malësi e Madhe, Argirocastro e Përmet.

La Settimana avrà quest’anno, come tema principale, quello della “Educazione alimentare: la cultura del gusto” e riguarderà circa 1000 appuntamenti che si svolgono nel mese di novembre  realizzati dalle quasi 300 sedi nel mondo che dovranno tener conto di una serie di elementi importanti quali: qualità, sostenibilità. cultura, sicurezza alimentare, diritto al cibo, educazione, identità, territorio e biodiversità .

Si va dalle master class con chef stellati ai corsi di cucina e alle lezioni di cucina per bambini degli asili, dalle conferenze scientifiche su alimentazione e salute alle degustazioni e cene che accompagnano le attività di promozione commerciale, dalla proiezione di film italiani legati alla cultura del cibo e alla convivialità a concerti e mostre fotografiche. Non mancano momenti di approfondimento su temi di grande attualità, quali il rapporto fra il cibo e la sostenibilità ambientale, la cultura del cibo sano, la sicurezza alimentare, il diritto al cibo, l’educazione alimentare, le identità dei territori e la biodiversità, nel solco dell’eredità di Expo Milano 2015 e racchiuse nella Carta di Milano.

A fare da filo conduttore la Dieta mediterranea per un modello di vita sano e equilibrato, ma anche la sensibilizzazione sui prodotti a denominazione di origine controllata e il contrasto al fenomeno dell’italian sounding, in un settore in cui il made in Italy vale 35 miliardi di euro di export e 140 miliardi di Pil, mentre a ospitare l’evento sarà il Cosolato Albanese a Valona, il cui console italiano è la dott.ssa Luana Micheli.

La Puglia partecipa in Albania con  i“Colori, Sapori e armonie della terra” Puglia a tavola tra tradizione e innovazione. E quest’anno un’attenzione particolare è stata riservata all’I.I.S.S. “Michele De Nora” . “Siamo impegnati con l’ambasciata italiana in Albania che ha deciso di dedicare la IV edizione della settimana alla Puglia” – ha dichiarato il dirigente Giuseppe Achille, confessando che l’Istituto altamurano  è stata affidata l’organizzazione  della Cena  di Gala di apertura che si terrà presso il salone del Consolato Generale di Valona prevista per il 19 novembre e di un aperitivo rinforzato per il giorno dopo nel ristorante “Love Italy “ sempre a Valona sulla base di piatti e di prodotti tipicamente pugliesi.

L’ impegno dell’IISS  “De NORA” non si limita alla preparazione e al servizio con la messa a disposizione di  chef,  sommelier e  maestri pasticceri dell’Istituto altamurano,  ma comprende anche l’organizzazione di alcuni eventi culturali: c’è la musica del trio altamurano “Uaragniaun”, c’è  la presentazione della biodiversità agroalimentre pugliese,  c’è l’esposizione, in collaborazione con il Gal –Terre di Murgia,  di alcuni produttori locali interessati al mercato albanese”.

di Angela Calia


Altri articoli che potrebbero piacerti